Protocolli diagnostici di riferimento

I protocolli diagnostici presenti nelle seguenti pubblicazioni forniscono le linee guida per il rilevamento e l’identificazione di patogeni delle piante (funghi, batteri, fitoplasmi, virus e viroidi) ai laboratori preposti alla diagnosi degli organismi di qualità e/o quarantena, presenti sul territorio italiano. L’uso di protocolli diagnostici armonizzati e validati è alla base di un’efficiente applicazione delle misure fitosanitarie e consente il confronto dei risultati ottenuti da diversi laboratori in diverse condizioni operative. Le metodologie di laboratorio riportate nei protocolli allegati sono state selezionate sulla base del valore, dei parametri di validazione ottenuti (ISO/IEC standard 16140:2003; ISO/IEC standard 17025:2005; EPPO standard PM7/76-4 e PM7/98-2).

 

Protocolli “ARON/ARNADIA”                                                                       

 

Candidatus Phytoplasma mali’ (Apple Proliferation)

Candidatus Phytoplasma prunorum’ (European Stone Fruit Yellows)

Guignardia citricarpa

Tomato infectious chlorosis virus’ e ‘Tomato chlorosis virus’ su pomodoro

Virus della vite coperti da norme fitosanitarie: GLRav 1, GLRav 2, GLRav 3, GvA, GvB, ArMv, GFLv, GFkv

 

 

Protocolli “ASPROPI”                                                           

 

Plasmopara halstedii,

Candidatus Liberibacter solanacearum’ in semi di Apiaceae,

Fitoplasmi agenti della Flavescenza Dorata della vite,

Phytophthora lateralis, Phytophthora ramorum, Phytophthora kernoviae,

Xanthomonas vesicatoria, Xanthomonas euvesicatoria, Xanthomonas perforans Xanthomonas gardneri,

Peach latent mosaic viroid,

Grapevine Pinot gris virus,

Clavibacter michiganensis subsp michiganensis da seme,

Xylella fastidiosa subsp. pauca ceppo CoDiRO.