Il Servizio fitosanitario centrale, con il supporto dell’Istituto nazionale di riferimento per la protezione delle piante (INRPP), coordina e gestisce le misure di contrasto alla diffusione degli organismi nocivi, ai sensi del Regolamento (UE) 2016/2031 e del D.lgs. 2 febbraio 2021, n. 19.

Per quanto riguarda la presenza di Toumeyella parvicornis, l’insetto è stato segnalato per la prima volta alla fine del 2014, in Italia nella Regione Campania, nei pressi del comune di Napoli. Immediatamente, nella regione sono state avviate attività di ricerca sullo studio biologico della cocciniglia T. parvicornis, in collaborazione con il dipartimento di Agraria di Portici dell’Università di Napoli Federico II e con il supporto del Servizio fitosanitario, nell’ambito di una specifica attività prevista dal Protocollo di intesa URCoFi (Unità regionale di coordinamento fitosanitario).

 Nel 2019, il Comitato Fitosanitario Nazionale (CFN) ha istituito il Gruppo di Lavoro Toumeyella parvicornis, (tra i membri, sono presenti esperti del Centro Difesa e Certificazione del CREA, congiuntamente all’Università degli Studi di Napoli Federico II, e all’Università degli Studi della Tuscia) che ha fornito gli elementi necessari per la predisposizione e pianificazione delle operazioni da svolgere al fine di identificare l’organismo nocivo, eradicarlo se possibile o contenerlo. In questo ambito, per favorire il riconoscimento dell’insetto è stato elaborato un primo documento tecnico relativo alla schematizzazione della sintomatologia.

Inoltre, a causa della limitata efficacia degli agenti di controllo naturali e dei mezzi chimici di lotta nella diffusione dell’insetto, sono state valutati specifici studi relativi a trattamenti eseguiti per endoterapia sui pini infestati dalla cocciniglia, riportando risultati positivi all’applicazione.

Sulla base delle analisi e delle attività svolte, per contrastare la diffusione di questo organismo nocivo, vengono applicate le misure fitosanitarie di emergenza descritte nelle norme di riferimento nazionali, riportate di seguito:

  • 2023  Documento Tecnico Ufficiale n. 33, del Servizio Fitosanitario Nazionale, recante le “Linee guida per la gestione del materiale di risulta degli abbattimenti e delle potature di piante infestate da Toumeyella parvicornis (Cockerell),  approvato dal CFN del 22/02/2023 e adottato il 1/03/2023.
  • 2021 Decreto legislativo del 3 giugno 2021, concernente le “Misure fitosanitarie di emergenza ai fini del contrasto dell’organismo nocivo Toumeyella parvicornis (Cocciniglia tartaruga)”.
  • 2020 Linee guida per la gestione del fitomizo Toumeyella parvicornis (Cockerell). Il documento è stato approvato dal Comitato Fitosanitario Nazionale nella seduta del 21 settembre 2020 e realizzato avvalendosi del supporto tecnico-scientifico del Gruppo di lavoro Toumeyella parvicornis. Questo è un documento tecnico da utilizzare come guida al riconoscimento dei sintomi di T. parvicornis e per affrontare correttamente l’emergenza determinata dalla diffusione epidemica dell’insetto.

Le normative e i Piani di azione adottati dai Servizi fitosanitari regionali sono accessibili consultando le sezioni specifiche nelle pagine web delle Regioni AbruzzoCampania, Lazio, Puglia, e Toscana.